La 39esima edizione del Concorso italiano 2024, la grande manifestazione dedicata al Made in Italy motoristico che si svolge in California, è stata presentata a Milano, nella sede dell’Automobile Club Milano. Ad aprire la conferenza stampa Geronimo La Russa, Presidente di ACI Milano che ospita per il secondo anno l’evento. La kermesse si svolgerà il 17 agosto nell’ambito della Monterey Car Week, nell’incantevole cornice del Bayonet & Black Horse Golf Course di Seaside.

Il 2024 è un anno di svolta significativo con un cambio di proprietà rappresentato dal nuovo Presidente, l’imprenditore, collezionista di auto e mecenate del Concorso Italiano, Richard De Andrade che ha dichiarato: “Il tema per il 2024, in linea con il momento di discontinuità che un cambio di proprietà comporta, è “transizione”. Uno sguardo al passato, evidenziando e apprezzando tutto quanto è heritage, ma guardando al futuro con una visione aperta”.

Il piano quinquennale dell’evento vuole portare a nuovi traguardi il Concorso Italiano puntando sulla “Dolce Vita” che da sempre caratterizza la nostra cultura nel mondo. “Presentare il meglio dell’Italia in modo sofisticato ed elegante”, queste le parole di De Andrade per introdurre il nuovo format che allarga il raggio d’azione: non più solo auto e moto, ma la mobilità in senso allargato, il design e la cultura italiana.

Tre elementi condivisi anche da Pininfarina, azienda storicamente impegnata nel portare avanti la tradizione ma con una forte tensione al futuro. Questo era il mantra di Paolo Pininfarina, scomparso pochi mesi fa e ricordato da Giuseppe Bonollo, Senior Vice President Sales & Marketing, durante il suo intervento. L’azienda italiana quest’anno sarà protagonista al Concorso Italiano dove lancerà negli Stati Uniti il suo nuovo programma volto a certificare le auto d’epoca: Pininfarina Classiche. In esclusiva chi si iscriverà all’edizione 2024 del Concorso Italiano con la propria auto disegnata e prodotta da Pininfarina e richiederà un certificato di produzione, la nota Casa di design italiana fornirà un accesso privilegiato al suo nuovo programma di certificazione, previa disponibilità delle informazioni. Un risultato ottenuto grazie a un lavoro di classificazione dell’archivio storico durato due anni, che ha coinvolto tutti i brand, da Lancia a Fiat, da Ferrari ad Alfa Romeo, fino a Peugeot e Cadillac. I collezionisti potranno anche farsi realizzare artworks personalizzati sulla base delle informazioni conservate proprio nell’archivio Pininfarina.

Altro nome iconico presente a Monterey sarà quello di Walter De Silva, che ha appena ricevuto l’onorificenza di Ambasciatore del Made in Italy nel mondo ed era rappresentato a Milano dal figlio Alexandre. Dalla sua matita uscirà il design del premio “Best of Show Award” che verrà assegnato nel corso della manifestazione.

Ma non sarà l’unico riconoscimento di Concorso Italiano, poiché verranno celebrate diverse altre classi del concorso di eleganza, come il Valentino Balboni Award. Il leggendario collaudatore ufficiale Lamborghini, che ha partecipato quasi a tutte le edizioni e ha provato quasi tutti i concept e le auto da corsa o da strada usciti dalla fabbrica di Sant’Agata Bolognese dal 1968 al 2008, sarà a Monterey anche quest’anno per guidare i giudici di classe incaricati di valutare le vetture Lamborghini partecipanti.

Il nuovo format della manifestazione avrà un focus importante anche sulla tecnologia e sulle nuove vie che la mobilità potrà percorrere in futuro. Del resto transizione energetica e design viaggiano da sempre in coppia, come ha ricordato Alexandre De Silva quando ha detto che “si deve cercare il giusto equilibrio tra estetica e tecnologie per creare una macchina che diventi sostenibile anche visivamente”.

Il programma dell’evento si articolerà su più giorni, si parte mercoledì 14 agosto con Mobility & Tech, una tavola rotonda che ospiterà appassionati di motori con un debole per l’innovazione, al termine della quale i partecipanti prenderanno in mano il volante delle loro auto storiche e faranno un giro lungo le strade panoramiche di Monterey. Nel corso della serata di venerdì 16 si esibirà il coro lirico de I Cantori di Carmel in un concerto all’aperto sui prati e sui fairway del campo da golf. Sabato 17 agosto si raggiungerà l’apice con il vero e proprio concorso. Non ci siamo dimenticati il giovedì, ma al momento De Andrade non ha ancora voluto svelare il programma della giornata, che rimane un mistero. Stay tuned.

Community - Condividi gli articoli ed ottieni crediti
Articolo Precedente

Auto elettriche, lo strano caso degli incentivi polverizzati in poche ore. Il MIMIT: “Tutto regolare”

next
Articolo Successivo

Maserati, nel futuro c’e’ spazio per un matrimonio (industriale) col Cavallino?

next