Il tour di Emma Marrone sta andando a gonfie vele. La vibrante voce della cantante è accompagnata da un amore travolgente nei confronti dei propri fan. E da un bacio sulla bozza a uno dei presenti al live. Durante l’esibizione ai Magazzini Generali a Milano, l’artista ha deciso di prendersi l’intero calore del pubblico scendendo tra la folla durante la canzone “L’amore non mi basta“. Di ritorno sul palco, Emma ha fissato dritto negli occhi un ragazzo per poi dargli un bacio. Il gesto della cantautrice ha fatto il giro del web, scatenando i commenti di migliaia di presenti che avrebbero voluto essere al suo posto “Sono geloso”, ha scritto un utente. E ancora: “Sto svenendo io per te”.

Il profilo Instagram del ragazzo in questione – Giuseppe Marletta – è diventato virale dopo aver pubblicato il video del bacio, anche se quella dell’attrice romana non è la prima dimostrazione di affetto nei confronti di un suo sostenitore. Già settimana scorsa aveva infatti replicato la stessa azione con un altro fan che, in preda all’emozione, aveva poi commentato sui social “non riesco più a smettere di pensare alle sue labbra”. Tutto l’orgoglio professionale che Emma è riuscita ad interiorizzare in questi mesi viene anche dedicato al papà, scomparso più di un anno fa. Sul suo ultimo progetto musicale la 39enne aveva dichiarato: “Ho realizzato questo album perché molte persone hanno perso il loro punto di riferimento e voglio salire sul palco anche per loro. Non voglio perdere nemmeno un secondo e voglio rendere mio padre orgoglioso”.

In molti sostengono che il modo di fare dell’artista coincida con il concetto di ‘amore senza vincoli’ che la Marrone ha sempre cercato di trasmettere attraverso la sua musica, esternando senza vergogna e pregiudizi i sentimenti provati, senza temere giudizi. “Ho smesso di vergognarmi di esprimermi in modi diversi e ho finalmente superato le mie timidezze. Nonostante sembri una persona estroversa, in realtà sono molto timida e quest’anno ho finalmente trovato il coraggio di liberarmi”, aveva spiegato.

Articolo Precedente

Zerocalcare e le difficoltà dell’interprete tedesco a Berlino: lo scambio è imperdibile

next