Abusava e torturava cani che gli lasciavano in custodia, poi li uccideva e i filmati delle uccisioni finivano online. Adam Britton, importante zoologo che ha lavorato con BBC e National Geographic, è in questi giorni a processo presso la Corte Suprema del Territorio del Nord, in Australia, per una serie di reati alquanto raccapriccianti. Nel giro di diversi anni ha torturato una sessantina di cani, di molti ne ha abusato sessualmente e poi li ha ammazzati filmandosi mentre lo faceva, dopodiché ha pubblicato i video online. Britton era talmente sadico e violento nelle sue pratiche quotidiane che in aula quando sono stati mostrati al pubblico alcuni spezzoni di video, il giudice del processo ha avvertito le persone sensibili di lasciare l’aula. Anche il presidente della Corte Suprema Michael Grant ha detto di essere preoccupato che i fatti ripresi in video possano causare uno “shock” a chi li vede.

Secondo l’accusa, Britton aveva un “interesse sessuale sadico” per gli animali almeno dal 2014. Oltre a sfruttare i suoi animali domestici l’uomo aveva manipolato il pensiero di altri proprietari di cani affinché gli dessero i loro in affido. Britton avrebbe usato la piattaforma online Gumtree Australia per trovare persone che spesso con riluttanza regalavano i loro animali domestici a causa di impegni di viaggio o di lavoro, costruendo un “rapporto” con loro per negoziare la presa in custodia degli animali. Se avessero contattato Britton per avere aggiornamenti sui loro vecchi animali domestici, l’uomo avrebbe raccontato loro “false narrazioni” e avrebbe inviato loro vecchie foto. In realtà, Britton stava abusando degli animali in un container nella sua proprietà dotato di apparecchiature di registrazione che la corte ha chiamato “stanza delle torture”.

Dopo essersi filmato, lo zoologo condivideva online i filmati dei suoi crimini sotto diversi pseudonimi. Britton è stato arrestato nell’aprile del 2022. Dei 42 cani di cui ha abusato nei 18 mesi precedenti al suo arresto, 39 sono morti. Britton è stato detenuto in custodia cautelare dal suo arresto e tornerà in tribunale per l’udienza di condanna a dicembre. Nato nel West Yorkshire, Britton è cresciuto nel Regno Unito prima di trasferirsi in Australia più di 20 anni fa per lavorare con i coccodrilli. Con un dottorato in zoologia, il 51enne si era costruito una reputazione globale per la sua esperienza, ricoprendo una posizione accademica presso la Charles Darwin University e persino ospitando David Attenborough mentre l’emittente veterana filmava parte della docuserie Life in Cold Blood in terreni di sua proprietà.

Articolo Precedente

iOS 17 ci aiuta a fare la lavatrice: così il nuovo sistema operativo Apple spiega come lavare i vestiti

next
Articolo Successivo

Il video della rissa al Gran Caffè Chioggia di Piazza San Marco a Venezia è virale: ecco come sono andate davvero le cose

next