Un abete di 25 metri addobbato con 700 palline natalizie fucsia e argento e decorato da 40mila luci led di colore bianco a basso consumo. È stato accesso l’albero di Natale in piazza Duomo sponsorizzato dall’azienda VeraLab dell’imprenditrice Cristina Fogazzi, meglio nota sui social come l’Estetista cinica. L’equivalente dell’importo di energia speso per le illuminazioni sarà donato alla Casa di Accoglienza Enzo Jannacci del Comune di Milano. La scritta ‘We Wish You to Be Yourself’, che richiama il tema dell’accettazione di sé, avvolge per intero l’albero, ai cui piedi si trova un villaggio di Natale. In piazza Duomo per l’occasione è stato montato un palco dove si è esibita La Rappresentante di Lista e il cast del musical Sister Act, in scena al Teatro Nazionale fino al 7 gennaio. “Siamo felici – ha detto direttore generale dei teatri Milanesi Nazionale e Lirico ‘Giorgio Gaber’, Matteo Forte – che il Comune di Milano abbia scelto di coinvolgere il cast di Sister Act per la cerimonia di accensione dell’albero di Natale”.

Con l’accensione dell’abete di piazza Duomo ha preso ufficialmente il via il “Natale degli Alberi“: entro domani saranno illuminati tutti i 18 alberi – abeti e installazioni – che, anche quest’anno, danno forma e colore al concept, nato da un’idea di Marco Balich e donato da Fondazione Bracco al Comune.
Il sindaco di Milano, presente all’accensione dell’albero, ha parlato della mancanza di luminarie in periferia rispetto agli anni passati. “I conti del Comune sono in una situazione, non uso mai toni eccessivi, non voglio dire ‘drammatica’ perché non è così, però molto difficile – ha sottolineato – più difficile dell’anno scorso senz’altro sì. Io penso che abbiamo fatto tutto il possibile. In fondo 19 alberi non sono pochi e faremo tutto il possibile”.

Ai piedi dell’albero, si trova un magico villaggio di Natale, visitabile in un percorso scintillante in cui incontrare Babbo Natale e la sua slitta, animali luminosi, e prodotti best seller del brand riprodotti in formato maxi. “È stata una serata emozionante – ha commentato Cristina Fogazzi, founder di VeraLab, che nel 2021 ha fatturato oltre 62 milioni di euro – perché è un grande onore poter contribuire al Natale milanese con un messaggio di positività. Stiamo attraversando un periodo di grande incertezza a causa dell’instabilità mondiale e della crisi energetica, che si sommano ai temi urgenti della sostenibilità ambientale; per questo la mia azienda ha deciso di presentare un progetto di allestimento che sia il più possibile etico”.

Articolo Precedente

Bianca Balti annuncia: “Mi sottoporrò a mastectomia preventiva. Mi sento fragile, terrorizzata dal dolore che proverò”

next
Articolo Successivo

Prima della Scala, ambientalisti imbrattano il teatro con vernice colorata: 5 fermati per il gesto di protesta – VIDEO

next