Non si ferma l’operazione militare turca nel nord-est siriano contro le Unità di Protezione Popolare (Ypg/Ypj). Nel corso degli ultimi scontri armati tra Ankara e le milizie curde a perdere la vita, oltre a 22 miliziani e 2 soldati turchi, è stato però anche un bambino. I bombardamenti ordinati dal presidente Recep Tayyip Erdoğan nell’ambito della nuova operazione militare ordinata ormai settimane fa, hanno interessato Kobane, la ‘città martire’ della guerra al Califfato di Abu Bakr al-Baghdadi, e Qamishli.

Il ministero della Difesa turco ha fatto sapere di avere ucciso “22 terroristi nella regione” in risposta a un attacco con colpi di mortaio ieri a Birecik, nella provincia di Sanliurfa, nel sudest turco a pochi chilometri dal confine con la Siria. Il governo ha aggiunto che 2 soldati turchi sono rimasti uccisi nelle operazioni. “Continuiamo a colpire obiettivi mirati nella regione” ha fatto sapere Ankara.

Secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, però, il bilancio delle vittime si era fermato a 19, ma sono stati loro per primi, poi seguiti anche dai media panarabi e da un comunicato del Partito Democratico dei Popoli (Hdp), rappresentanza della comunità curda in Turchia i cui vertici sono stati incarcerati da Ankara, a sostenere che tra le vittime ci fosse anche un bambino.

L’agenzia governativa siriana Sana riferisce invece dell’uccisione, a nord di Aleppo, di tre militari governativi morti durante un bombardamento aereo turco. Fonti diplomatiche occidentali e mediorientali citate dai media siriani e regionali ribadiscono oggi che la Russia e l’Iran si sono di recente opposti a una massiccia offensiva militare turca nel nord della Siria, ma hanno acconsentito che Ankara conduca “operazioni mirate” contro i curdi nel nord del Paese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arabia Saudita, attivista per i diritti delle donne condannata a 34 anni di prigione per un tweet. E’ la pena più dura mai inflitta

next