La notizia è arrivata oggi, a sorpresa, alla vigilia di Ferragosto: Piero Angela è morto a 93 anni. Lui, però, con il suo inconfondibile pragmatismo, aveva già predisposto tutto: nei giorni scorsi aveva mandato una lettera alla Rai affinché fosse pubblicata sul sito Internet del suo programma SuperQuark. Così il grande divulgatore scientifico ha voluto dire il suo addio ai suoi telespettatori: “Cari amici, mi spiace non essere più con voi dopo 70 anni assieme. Ma anche la natura ha i suoi ritmi. Sono stati anni per me molto stimolanti che mi hanno portato a conoscere il mondo e la natura umana. Soprattutto ho avuto la fortuna di conoscere gente che mi ha aiutato a realizzare quello che ogni uomo vorrebbe scoprire. Grazie alla scienza e a un metodo che permette di affrontare i problemi in modo razionale ma al tempo stesso umano”, ha scritto Piero Angela.

Malgrado una lunga malattia – ha aggiunto – sono riuscito a portare a termine tutte le mie trasmissioni e i miei progetti (persino una piccola soddisfazione: un disco di jazz al pianoforte). Ma anche, sedici puntate dedicate alla scuola sui problemi dell’ambiente e dell’energia. È stata un’avventura straordinaria, vissuta intensamente e resa possibile grazie alla collaborazione di un grande gruppo di autori, collaboratori, tecnici e scienziati. A mia volta, ho cercato di raccontare quello che ho imparato. Carissimi tutti, penso di aver fatto la mia parte. Cercate di fare anche voi la vostra per questo nostro difficile Paese. Un grande abbraccio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morto Piero Angela, aveva 93 anni. L’annuncio del figlio Alberto: “Buon viaggio papà”

next
Articolo Successivo

Morto Piero Angela, l’addio di Mattarella: “Provo grande dolore, la Repubblica gli è riconoscente”. Maurizio Costanzo: “Per me era immortale”

next