È bufera in Cina, dopo che diversi utenti hanno sollecitato un’indagine da parte delle autorità per il video della food blogger Tizi, che ha mostrato in diretta come cucinava e mangiava uno squalo bianco, specie in via di estinzione. La polizia avrebbe quindi aperto un’indagine e ora la giovane rischia di finrie nei guai. La vicenda risale a metà luglio, ma la sua eco non si spegne, tanto che in Italia se ne sta parlando proprio in questi giorni.

L’inchiesta della polizia a Nanchong, nella provincia di Sichuan, è arrivata dopo che gli utenti del web hanno spinto per un’indagine ufficiale su Tizi, giovane influencer con milioni di fan su Douyin e Kuaishou, le due principali piattaforme di streaming live della Cina. Come riporta South China Morning Post, la food blogger avrebbe cucinato un pesce di 50 kg identificato come uno squalo bianco, specie protetta anche in Cina. Il video è stato rimosso in seguito alle critiche che ha sollevato.

L’influencer ha riferito ai media locali di averlo acquistato legalmente, ma non è la prima volta che cucina animali non così comuni da trovare in un piatto. Nel video in questione ha mangiato la coda arrostita dello squalo ricoperta di pepe mentre esclamava: “È così delizioso!”. Il resto dello squalo è stato tagliato a pezzetti e bollito con le spezie ma, troppo grande per essere consumato tutto, sarebbe finito nel cassonetto dei rifiuti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eredita 4 milioni di euro dalla famiglia ma rinuncia: “Non voglio essere così ricca. Non saprei cosa farne”

next
Articolo Successivo

Bimbo di 8 anni attaccato da 3 squali mentre è in vacanza ai Caraibi con la famiglia: “La gente buttava cibo mentre lui era in acqua”

next