Gli stipendi bassi mettono a rischio la capacità cognitiva e aumentano la possibilità di declino della memoria in età avanzata. A dirlo, uno studio in revisione paritaria della Columbia University Mailman School of Public Health, negli USA. Già da tempo, diversi studi scientifici associano i lavori a basso salario a esiti di salute negativi come sintomi depressivi, obesità e ipertensione ma, fino ad ora, nessuno studio aveva esaminato la relazione specifica tra bassi salari durante gli anni di lavoro e disturbi cognitivi in ​​età avanzata. I risultati sono stati pubblicati sull’American Journal of Epidemiology e sono stati discussi in occasione della Alzheimer’s Association International Conference 2022.

Ai fini dello studio, i ricercatori della Columbia University hanno analizzato i dati di 2.879 individui nati tra il 1936 e il 1941 dello studio nazionale sulla salute e la pensione (HRS) in attività per gli anni 1992-2016. Il ‘salario basso’ è stato definito come salario orario inferiore a due terzi del salario federale salario medio per l’anno corrispondente. I ricercatori hanno classificato i partecipanti in tre gruppi: coloro che non hanno mai guadagnato salari bassi, quelli che hanno ricevuto salari bassi a intermittenza o sempre salari bassi dal 1992 al 2004. Quindi, hanno esaminato la relazione con il declino della memoria nei successivi 12 anni dal 2004 al 2016. I ricercatori hanno scoperto che, rispetto ai lavoratori che non guadagnano mai salari bassi, i lavoratori con salari bassi persistenti hanno sperimentato un declino della memoria significativamente più veloce in età avanzata.

In particolare, hanno analizzato circa un anno in eccesso di invecchiamento cognitivo, su un periodo complessivo di 10 anni. “La nostra ricerca fornisce nuove prove che l’esposizione prolungata a bassi salari è associata a un declino accelerato della memoria più avanti nella vita”, ha affermato Katrina Kezios, ricercatrice post-dottorato presso il Dipartimento di Epidemiologia della Columbia University Mailman School of Public Health e prima autore. “Questa associazione è stata osservata nel nostro campione primario e in una coorte di convalida”. Le ricerche sugli effetti della riduzione del reddito sulla salute sono in rapido aumento. Negli Stati Uniti, il salario minimo federale è rimasto di 7,25 sterline l’ora (circa 7, 08 euro) dal 2009. Sebbene da allora la crescita economica sia aumentata, la crescita salariale e salariale per i dipendenti, in particolare quelli con lavori a basso salario, è rallentata nel tempo e il salario minimo non è tenuto il passo con l’inflazione.

Anche in Italia, stando a quanto emerge da una recente analisi Eurostat, lo stipendio medio annuo di un italiano nel 2022 si attesta sui 21.462,62 euro, per circa 1.533 euro al mese con 14 mensilità contro una media europea di 24mila euro circa. “I nostri risultati suggeriscono che le politiche sociali per migliorare il benessere finanziario dei lavoratori a basso salario possono essere particolarmente benefiche per la salute cognitiva dei cittadini”, ha affermato l’autrice senior Adina Zeki Al Hazzouri, assistente professore di epidemiologia alla Columbia University.

Articolo Precedente

Giada De Laurentiis, la chef italiana più ricca al mondo: ecco chi è e quanto guadagna

next
Articolo Successivo

Morto Alessandro De Santis, il Lillo di “Johnny Stecchino’. L’addio di Roberto Benigni in una lettera ai familiari

next