La Formula 1 perde un quattro volte campione del mondo. Sebastian Vettel, in questa stagione alla guida della Aston Martin, ha comunicato la decisione di ritirarsi al termine del Mondiale 2022. Un annuncio a sorpresa per il 35enne, che con un video su Instagram ha voluto spiegare le ragione della sua scelta. Il pilota tedesco lascerà il ‘circus’ dopo 15 anni: con la Red Bull ha dominato vincendo 4 titoli consecutivi tra il 2010 e il 2013. Poi dal 2015 al 2020 gli anni in Ferrari, con due secondi posti e tanti rimorsi. È terzo nella lista di tutti i tempi dei Gp vinti, con 53 successi, dietro solo a Lewis Hamilton (103) e Michael Schumacher (91).

“La decisione di ritirarmi è stata difficile da prendere per me e ci ho pensato molto. A fine anno voglio prendermi un po’ più di tempo per riflettere sul dopo; per me è chiaro che, essendo padre, voglio passare più tempo con la mia famiglia, ma oggi non si tratta di dire addio”. Queste le prime parole di Sebastian Vettel, dopo l’annuncio del suo ritiro dalla F1 al termine della stagione. “Ho avuto il privilegio di lavorare con molte persone fantastiche in Formula 1 negli ultimi 15 anni, ce ne sono troppe da menzionare e ringraziare“, ha aggiunto l’ex ferrarista.

“Negli ultimi due anni sono stato un pilota dell’Aston Martin e, sebbene i nostri risultati non siano stati così buoni come speravamo, è chiaro che tutto è stato messo insieme per una squadra che ha bisogno di correre ai massimi livelli per gli anni a venire. Mi è davvero piaciuto lavorare con un gruppo così grande di persone. Tutti sono ambiziosi, capaci, esperti, impegnati e amichevoli. E auguro a tutti loro ogni bene. Spero che il lavoro che ho fatto l’anno scorso e che sto continuando a fare quest’anno sia utile allo sviluppo di una squadra che vincerà in futuro”, ha proseguito il pilota tedesco. “Lavorerò il più sodo possibile da qui alla fine dell’anno con quell’obiettivo in mente, dando come sempre il massimo nelle ultime 10 gare“, ha concluso.

“Voglio ringraziare Sebastian dal profondo del mio cuore per l’ottimo lavoro che ha svolto per l’Aston Martin nell’ultimo anno e mezzo. Gli abbiamo detto che volevamo che continuasse con noi l’anno prossimo, ma alla fine ha fatto ciò che ritiene giusto per se stesso e la sua famiglia, e ovviamente lo rispettiamo“. Così Lawrence Stroll, proprietario e fondatore dal 2019 della scuderia britannica Aston Martin F1 Team. “Sebastian ha disputato per noi alcune gare fantastiche e, dietro le quinte, la sua esperienza e competenza con i nostri ingegneri sono state estremamente preziose. È uno dei grandi di tutti i tempi della Formula 1 ed è stato un privilegio essere stato in grado di lavorare con lui”, ha aggiunto. “Continuerà a correre per noi fino al Gran Premio di Abu Dhabi 2022 che sarà il suo 300esimo Gran Premio“, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

F1, dietro l’errore di Leclerc c’è la pessima strategia Ferrari. Ma il mondiale non è chiuso

next
Articolo Successivo

Sebastian Vettel, dai 4 titoli mondiali ai rimorsi in Ferrari: la F1 perde un campione con una carriera incompiuta

next