Tre morti, tre feriti gravi e un giovane di 22 anni arrestato. E’ questo il bilancio della sparatoria avvenuta in un centro commerciale a Copenaghen. Tra le vittime un uomo sulla quarantina e “due giovani”. L’ispettore capo di Copenaghen, Søren Thomassen, al momento non ha fornito ulteriori dettagli, aggiungendo però che molti altri sono rimasti feriti, tre in modo critico. La polizia di Copenaghen ha arrestato l’autore della sparatoria nel centro commerciale di Field, uno dei più grandi della Scandinavia: si tratta di un danese di 22 anni. L’aggressore ha agito da solo e secondo gli inquirenti, non per motivazioni razziste, ha detto Thomassen.

L’emittente danese Tv2 ha pubblicato una foto sgranata del presunto responsabile della sparatoria. Nell’immagine si vede un uomo che indossa pantaloncini al ginocchio e una canotta e tiene nella mano destra quello che sembra essere un fucile. “Sembrava molto violento e arrabbiato“, ha raccontato a Tv2 un testimone oculare, Mahdi Al-Wazni. “Mi ha parlato e, mentre lo stavo filmando, mi ha detto che (il fucile) non era reale. Sembrava molto orgoglioso di quello che stava facendo”, ha aggiunto il testimone.

L’attacco è avvenuto nel pomeriggio di domenica al Field ad Amager, che si trova vicino all’aeroporto. Poco dopo si sono viste molte persone in fuga e scene di panico. “Siamo presenti in gran numero e massicciamente al Fields, dove abbiamo ricevuto segnalazioni di spari” ha scritto subito sull’account Twitter la polizia chiedendo a chiunque abbia visto, sentito o filmato qualunque cosa di riferirlo alla polizia stessa sul posto o di chiamare il numero delle emergenze.

Una testimone che si trovava nel centro commerciale al momento della sparatoria, Thea Schmidt, riferisce all’emittente locale Tv2 di avere sentito almeno tre spari. La donna racconta a Tv2 che si trovava con un’amica in un ristorante all’ultimo piano quando ha visto molte persone che all’improvviso si sono precipitate verso l’uscita, a quel punto ha sentito uno sparo. La testimone aggiunge che, mentre correva verso l’uscita, ha sentito poi altri due spari nel mall, mentre tutti correvano fuori il più velocemente possibile. Diversi testimoni hanno riferito a Tv2 di scene di panico.

Bbc ha riferito che tutte le strade che portano al mall sono state chiuse e che anche la linea della metropolitana che collega la zona al centro è stata chiusa. Sul posto sono intervenute ambulanze, vigili del fuoco e polizia. Anche un altro testimone, Laurits Hermansen, parlando con l’emittente danese DR ha riferito di avere sentito “tre o quattro spari”. Hermansen racconta che si trovava in un negozio di vestiti nel mall con la sua famiglia: gli spari erano “veramente forti. Sembrava che gli spari fossero stati esplosi proprio accanto al negozio”. “Mi hanno urlato ‘sdraiati, sdraiati. Qualcuno sta sparando’. Sono andato sotto il bancone del bar e mi sono sdraiato e sono rimasto lì immobile, fino all’arrivo della polizia”. E’ il racconto – secondo quanto riporta il sito danese Jylland Post – di una delle persone che era nel centro commerciale di Copenaghen. “Ho sentito almeno 15 spari, era tutto irreale, come in un film”, aggiunge scioccato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gas, l’Algeria alza il prezzo delle forniture all’Europa. Ecco perché riguarda anche l’Italia, nonostante gli accordi tra Draghi e Algeri

next
Articolo Successivo

Turchia, l’opposizione dell’Hdp va a congresso nonostante le migliaia di incarcerazioni e il rischio di messa al bando

next