Sente un lamento in strada e ritrova un bambino scomparso da giorni in un tombino. È il sito web della BBC a riportare l’incredibile storia a lieto fine di Joe, un 9enne tedesco di Oldenburg, in Bassa Sassonia. Il bambino era scomparso il 17 giugno ed è stato ritrovato a nemmeno 300 metri da casa dopo otto giorni. La sua fortuna ha le sembianze di un passante con un ottimo udito. L’uomo ha infatti percepito dei lamenti provenire dalla profondità di un tombino mezzo aperto. A quel punto sono state avvisate le autorità del luogo che a loro volta sono riuscite ad estrarre vivo Joe dopo poche ore. Polizia e vigili del fuoco hanno dedotto che molto probabilmente Joe si è arrampicato in un tubo di drenaggio di cemento mentre giocava, quindi è strisciato nel sistema fognario attraverso un canale e si è perso dopo diversi metri. Gli investigatori hanno detto che, tra l’ingresso del sistema di drenaggio e il luogo in cui Joe è stato trovato, ci sono pozzi di drenaggio e raccordi a intervalli regolari dove poteva stare in piedi. Joe ha poi raccontato alla polizia che improvvisamente avrebbe perso l’orientamento mentre era nelle fogne non riuscendo più a trovare una via d’uscita. “Siamo così felici di averlo trovato. È stata una grande fortuna. Se il bimbo non avesse emesso suoni non saremmo riusciti a ritrovarlo in tempo”, ha detto il portavoce della polizia Stephan Klatte. La polizia ha altresì negato che il bambino sia stato rapito o allontanato da casa a causa di qualche malintenzionato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’incommentabile ‘dieta’ di Boban Simic: “Secrezioni aggiunte al latte fermentato, carne cruda di ogni tipo per diventare più alfa”

next
Articolo Successivo

Ceo di un’azienda da 65 miliardi di sterline si dimette e vola nella nativa Australia: “Voglio solo sedermi in spiaggia e non fare niente”

next