“Mio padre si emozionava solo quando parlava dei suoi operai. Fino all’ultimo ha pensato ai suoi dipendenti. Quando sono andato a trovarlo per l’ultima volta in ospedale, l’ho visto nervoso. Salutandolo, gli ho detto che andavo ad Agordo, a vedere la fabbrica che non vedevo da tempo a causa del Covid. In quel momento il suo viso si è illuminato e ha fatto un gran sorriso. E mi ha detto: ‘La fabbrica, è così bella adesso“. Claudio Del Vecchio ha raccontato con queste parole l’ultimo incontro con il padre Leonardo, morto lunedì scorso a Milano, nel corso dei funerali ad Agordo, in provincia di Belluno. “Ha considerato i suoi dipendenti, in particolare quelli di Agordo”, dove stabilì il primo stabilimento di Luxottica, “come membri della sua famiglia. Il suo sogno non si sarebbe potuto realizzare senza la vostra dedizione e la vostra fiducia. Vi ha spinto, tirato e incoraggiato e vi lo avete ripagato con il vostro sforzo e il vostro attaccamento. nel corso della sua vita ha preso dei rischi che altri imprenditori non hanno voluto mai correre, perché sapeva che c’eravate voi dietro“, ha aggiunto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, ok a nuovi interventi da 3 miliardi per calmierare i rincari di luce e gas. Diventa operativo l’allargamento del bonus sociale

next
Articolo Successivo

Gran Bretagna, la casa reale “spreme” i sudditi nonostante la crisi. A Buckingham palace 100 milioni di fondi pubblici (+ 17%)

next