Sarà il canto del cigno dei festeggiamenti dedicati ai 50 anni di attività di Motorsport, la divisione di BMW che mette a punto i modelli più potenti e performanti del costruttore tedesco: si parla della nuova serie speciale che il costruttore bavarese ha in cantiere e che ha anticipato attraverso alcune immagini teaser.

Il mezzo dovrebbe omaggiare la storica 3.0 CSL “Batmobile” del 1973 e, molto probabilmente, la produzione sarà limitata a poche decine di esemplari, destinati ai collezionisti dell’Elica più facoltosi e fedeli. La meccanica, invece, dovrebbe essere strettamente imparentata con quella della M4 CSL, presentata nelle scorse settimane.

Un’ottima premessa, visto che la suddetta CSL è la BMW stradale più veloce di sempre, come certificato dal record stabilito al Nurburgring, dove la CSL ha girato in 7 minuti, 20 secondi e spicci. Lo scatto da 0 a 100 km/h viene chiuso in 3,7 secondi e quello da 0 a 200 km/h in 10,7 secondi. Merito del peso contenuto a 1.625 kg – 100 in meno rispetto alle M4 “convenzionali” – e del taurino propulsore 3 litri, 6 cilindri in linea bi-turbo da 550 Cv.

Per l’erede spirituale della Batmobile, oltretutto, la cavalleria dovrebbe crescere ulteriormente, mentre l’estetica sarà ispirata alla concept BMW 3.0 CSL Hommage R svelata nel 2015. Altra chicca per gli appassionati? La presenza dell’inossidabile cambio manuale a 6 marce, abbinato a una trasmissione a trazione posteriore. Il prezzo, ovviamente, sarà alla portata di pochi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ford, a Goodwood con il Very Gay Raptor a sostegno della comunità LGBTQ+

next
Articolo Successivo

Ford Bronco, il fuoristrada made in Usa sbarca in Europa nel 2023 – FOTO

next