Squilla un telefono e il direttore d’orchestra Riccardo Chailly interrompe il concerto per rimproverare lo spettatore maleducato. E’ successo nella serata di lunedì 6 giugno al Teatro alla Scala di Milano: l’Orchestra e il Coro diretti dal maestro Chailly stavano eseguendo i cori verdiani quando, proprio durante il coro dal Macbeth di Patria oppressa, ha iniziato a suonare con insistenza un cellulare.

Risponda pure, noi riprendiamo dopo“, ha detto il maestro Chailly interrompendo l’esecuzione dell’orchestra. Poi, rivolgendosi al pubblico, Chailly ha aggiunto: “Patria oppressa con l’ostinato del telefonino non è possibile”, spiegando che “non siamo soli, perché stiamo realizzando un’incisione per la Decca di Londra” ed “è una cosa importante”. Dopo l’applauso del pubblico, l’esecuzione è ripartita dal principio.

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Jeff Bezos? Se vuole arrivare in orbita è meglio che faccia meno feste e lavori i più”: l’ennesima ‘stoccata’ di Elon Musk

next
Articolo Successivo

Marco Carta torna single, l’addio con il fidanzato Sirio Campedelli: “Ci siamo lasciati dopo 7 anni. Non tornerò sull’argomento”

next