Il marito di Irma Garcia, la maestra della scuola elementare di Uvalde, uccisa mentre faceva scudo col suo corpo ai piccoli allievi, è morto d’infarto oggi, due giorni dopo la strage che è costata la vita alla moglie. I familiari hanno sottolineato che Joe Garcia “è morto per il dolore”. Joe e Irma erano sposati da 24 anni e avevano quattro figli, il maggiore appena entrato nei Marines, la più piccola alle scuole medie.

La polizia del Texas, nel corso di una conferenza stampa, ha assicurato: “Scopriremo perché Salvador Ramos ha compiuto questa strage e chi è quest’uomo”. Secondo le ultime ricostruzioni, il killer è entrato nella scuola alle 11.40 da una porta aperta: “Dobbiamo capire perché lo fosse”, ha sottolineato il direttore regionale Victor Escalon. “Ramos ha cominciato a sparare fuori dalla scuola, dal parcheggio. Ha sparato molti, molti colpi. La maggior parte degli spari sono stati esplosi nelle fase iniziali, prima dell’arrivo della polizia”. Il killer di Uvalde “non è stato affrontato da nessuno” fuori dalla scuola. “Non ha incontrato nessuno da casa della nonna alla scuola. E’ entrato nell’edificio senza ostacoli”, ha sottolineato. La nonna di Salvador Ramos, alla quale il ragazzo ha sparato per prima, “è viva e in condizioni stabili”.

Intanto a sorpresa Meghan Markle, la duchessa del Sussex che ora vive in California, ha fatto visita alla Robb Elementary School. Accompagnata da un bodyguard, la moglie del principe Harry ha deposto un mazzo di rose bianche al memoriale improvvisato allestito vicino al luogo del massacro. Il presidente Joe Biden e la First Lady Jill saranno a Uvalde, in Texas domenica 29 maggio.

Intanto il produttore di armi Daniel Defense, che ha fabbricato il fucile d’assalto usato da Salvador Ramos nel massacro alla scuola ha annunciato che non andrà alla convention della lobby Nra venerdì a Houston come riporta il Washington Post. Anche il cantautore Don McLean ha annunciato che non si esibirà all’evento perché “irrispettoso e doloroso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra in Ucraina, stendardo sventola sulla nave da guerra affondata nel porto di Mariupol: “È l’ultima bandiera militare in città”

next
Articolo Successivo

Ucraina, storia di Mykyta: “Io deportato in Russia e torturato. Mi hanno costretto a camminare nella neve, così ho perso le dita dei piedi”

next