“Bloccando i nostri porti, la Russia mette a rischio fame milioni di persone. Insieme ai partner, l’Ucraina ha stabilito due rotte terrestri alternative per consegnare le esportazioni di cibo e salvare l’Africa e altre regioni dalla carestia. La Russia deve porre fine al blocco per consentire la piena e libera esportazione”. Lo afferma in un tweet il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba.

Ucraina e Russia sono entrambi grandi produttori ed esportatori di grano. Circa il 20% delle esportazioni globali del cereale sono riconducibili a Mosca e Kiev. Dai porti del Mar Nero, attualmente paralizzati a causa della guerra, partivano carichi per sfamare 400 milioni di persone nel mondo. Tra i paesi più dipendenti dal grano di Russia e Ucraina ci sono anche l’Egitto, la Turchia, il Libano, la Tunisia e il Bangladesh. Attualmente nei silos ucraini sarebbero presenti circa 20 milioni di tonnellate di grano che non possono però essere movimentate. Nel frattempo il prezzo dei cereali corre (+ 75% nell’ultimo anno) e i rischi di carestia aumentano.

“La Russia ha bloccato oltre 20 milioni di tonnellate di raccolti nei porti ucraini”, ha ribadito poco fa il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky durante un briefing congiunto con il primo ministro portoghese Antonio Costa oggi a Kiev. “La Russia ha bloccato quasi tutti i porti. Tutte, per così dire, le opportunità marittime per esportare cibo – il nostro grano, orzo, girasole e altri… 22 milioni di tonnellate sono bloccate oggi dalla Federazione Russa”, ha affermato il presidente ucraino.

Giovedì scorso il segretario di Stato degli Usa Antony Blinken ha accusato la Russia di usare il cibo come arma bloccando le forniture non solo per gli ucraini, ma anche per milioni di persone in tutto il mondo. Un alto funzionario a Mosca ha respinto le accuse, dicendo che i russi “non sono idioti” e non avrebbero esportato cibo pur essendo soggetti a severe sanzioni. L’ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vassily Nebenzia, ha respinto come “assolutamente false” le accise sulla responsabilità della Russia per la crisi alimentare, sostenendo come sia invece l’Ucraina ha bloccare le navi straniere nei suoi porti e a minare le acque. Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres sta cercando una mediazione per far ripartire i carichi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lagarde (Bce): “Verso un rialzo dei tassi a luglio. Criptovalute sono basate sul nulla e non valgono nulla”

next
Articolo Successivo

Inglesi stretti nella morsa di inflazione e carenze causate dalla Brexit. E c’è chi inizia a risparmiare anche su pranzo e cena

next