Il gruppo francese Renault ha annunciato la vendita della sua partecipazione del 67% nella russa Avtovaz che produce Lada, le vetture più vendute nel paese. Partecipazione e fabbriche passano alla municipalità di Mosca a prezzo simbolico di 2 rubli (3 centesimi di euro). Il valore della quota era a bilancio a 2,2 miliardi di euro, la casa francese porta a casa questa perdita. Le intenzioni di Renault era note da settimane, nei giorni scorsi l’amministratore delegato Luca De Meo ha detto che si tratta di una scelta dolorosa ma che la società è stata costretta a farla. L’operazione offre però un’opzione di riacquisto a Renault della durata di sei anni. Le vendite in Russia costituivano il 10% del totale del gruppo francese, terzo produttore al mondo con 7 milioni di auto vendute nel 2021. Il 15% del gruppo è di proprietà del governo francese, primo azionista insieme a Nissan.

Le attività in Russia di Renault danno lavoro a 45mila persone, impiegate per lo più nello stabilimento di Togliatti, città sul fiume Volga. Stamane anche la statunitense McDonald’s ha annunciato l’addio definitivo al paese. La scorsa settimana la britannica Shell ha ceduto le sue attività a Lukoil mentre il gruppo bancario francese Société Générale ha venduto la sua controllata Rosbank a un gruppo controllato dal miliardario russoa Vladimir Potanin.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grano, nuovo balzo dei prezzi dopo lo stop all’export deciso dall’India. Alla base della “chiusura” anche il caldo record

next