È il giorno della finale dell’Eurovision Song Contest Torino 2022, l’evento musicale mondiale dove attraverso la musica e gli artisti, il Dipartimento della Pubblica Sicurezza e la Rai hanno promosso, per tutta la settimana, i valori di non discriminazione, tolleranza e inclusione. Sui canali social della Polizia di Stato, di Rai per il Sociale, Eurovision Rai e Rai1, a sostenere la campagna “Vittime di odio” sono tre grandi nomi della TV e dell’intrattenimento italiani. Fiorello, da sempre vicino alla Polizia di Stato nella diffusione di campagne di legalità, Lele Corsi, commentatore Rai dell’evento e il direttore di Rai1 Stefano Coletta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eurovision 2022, giallo sull’israeliano Michael Ben David “squalificato per il bacio a Cattelan”. Ecco cos’è successo veramente

next
Articolo Successivo

I Maneskin presentano “Supermodel” all’Eurovision, Damiano: “Putin tiranno. Paraculo restare neutrali per paura di perdere il pubblico”

next