Unire il lusso del fuoristrada più nobile della produzione inglese con la sportività delle suv moderne: una mission che la Range Rover Sport porta a termine con successo già da parecchi anni. Dall’ammiraglia (quasi) omonima la Sport prende in dote la nuova piattaforma modulare “MLA-Flex”, più rigida del 35% che in passato. Lunga 4,95 metri, la “Range Sport” – così la chiamano i suoi aficionados – presenta un linguaggio stilistico evoluto ma non rivoluzionato rispetto alla generazione precedente, da cui si distingue soprattutto per le sembianze della fanaleria posteriore e per le maniglie delle portiere a filo carrozzeria.

All’interno il tripudio di pelle – in alternativa ci sono anche materiali ecosostenibili – si combina con una ricetta tecnologica che prevede il cruscotto digitale e un grande scherno da 13,1”, a cui sono dedicate le funzioni dell’infotelematica, della climatizzazione e dei programmi di marcia in fuoristrada. La “regalità”, invece, passa dalle poltrone anteriori, climatizzate, massaggianti e dotate di altoparlanti integrati.

Il comparto telaistico si avvale di sospensioni pneumatiche predittive, capaci di auto-tararsi sulle caratteristiche della strada in base ai dati gps, e delle barre antirollio attive. Ciliegina sulla torta è il sistema a quattro ruote sterzanti, che ottimizza agilità o stabilità a seconda della velocità di marcia. Mentre la clientela più sportiva apprezzerà la presenza del torque Vectoring – agendo sui freni interni rispetto alla curva, permette un effetto “perno” che amplifica la tenuta di strada – e del differenziale autobloccante posteriore a controllo elettronico, che massimizza la trazione ripartendo la coppia motrice sull’asse posteriore in base all’aderenza dei pneumatici. Come va in fuoristrada? Beh, il bigliettino da visita in questo senso sono i 90 centimetri di profondità di guado e l’altezza minima da terra di 28 centimetri (in modalità off-road).

Tutta la gamma della Range Rover Sport sfrutta un cambio automatico a otto marce – dotato di ridotte – abbinato alla trazione integrale permanente. Sotto al cofano ci sono i nuovi 6 cilindri in linea 3 litri turbodiesel mild-hybrid da 250, 300 o 350 Cv di potenza massima; in alternativa i 6 cilindri in linea 3.0 turbobenzina mild-hybrid da 360 o 400 Cv o il V8 biturbo a benzina da 4,4 litri e 530 Cv. L’offerta include pure due opzioni ibride plug-in (ovvero ricaricabili da una fonte di corrente esterna), col 3 litri a benzina abbinato a un motore elettrico: due i livelli di potenza, 440 o 510 Cv. Ad alimentare l’elettro-propulsore c’è una batteria da 38,2 kWh di capacità, che promette 113 km di autonomia in modalità di marcia 100% elettrica. E nel 2024 è attesa la Range Rover Sport 100% elettrica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mercedes EQS SUV, ecco la nuova elettrica della Stella – FOTO

next
Articolo Successivo

Maserati MC20 Cielo, l’azzurro e l’emozione. Ecco la nuova spider – FOTO

next