Avevamo bisogno di un altro social o simile? Forse no. Ma secondo Mark Zuckerberg sì. Per questo WhatsApp, l’applicazione di messaggistica più usata al mondo, si evolve e diventerà sempre più simile a un social network.

La nuova funzione, chiamata Community, ha l’obiettivo di riunire sulla chat più gruppi i cui membri si conoscono e si riuniscono in base ad un interesse comune. Così sarà possibile raggiungere in maniera veloce, con pochi messaggi, un numero maggiore di persone. Lanciando la nuova funzione, Zuckerberg l’ha definita “un’importante evoluzione” di Whatsapp. “Con il lancio di oggi, ci siamo spinti oltre permettendo alle persone di comunicare non solo con gli amici e con i contatti più stretti, ma anche con tutte le diverse community che fanno parte della loro vita – spiega Mark Zuckerberg in un post su Facebook – Costruiremo funzioni di messaggistica comunitaria anche per Messenger, Facebook e Instagram”.

Per esempio sarà possibile unire sotto una stessa Community i vari gruppi classe di una scuola, o i vari gruppi sporti o di studio, creando così un “super gruppo”. Ma a chi servirà l’iniziativa? L’invio di messaggi all’interno della Community non sarà libero. Solo gli amministratori potranno infatti mandare messaggi. “In questo modo, si eviteranno comunicazioni superflue o sovraccarichi”, spiega WhatsApp. Un modo quindi più veloce e semplice per inviare avvisi generali su attività che interessano più persone, per notificare orari, criticità o altro. Così come la scuola, aziende enti e organizzazioni potranno creare le loro comunità e usare così Whatsapp un po’ come fosse la bacheca Facebook.

Nel messaggio di annuncio, però, Zuckerberg sottolinea che la privacy così come la crittografia end-to-end e tutte le funzioni di sicurezza rimarranno inalterate e saranno quindi integrate già dall’inizio. “Molte persone ci dicono che vogliono usare WhatsApp per questo visto che è il modo più facile per rimanere in contatto con le persone”, dice ancora il fondatore di Facebook, ma finora, appunto, non era stato implementato.

Oltre alla nuova funzione, Zuckerberg ha annunciato anche che sta aggiungendo nuove funzionalità ai gruppi, come la possibilità di inviare reazioni, di condividere file di grandi dimensioni o di realizzare chiamate di gruppo con più persone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Ignazio Moser ha tradito Cecilia Rodriguez per l’ennesima volta”. Lei reagisce così all’indiscrezione

next
Articolo Successivo

Diego Dalla Palma: “Rettore? È una delle persone più stupide che abbia mai conosciuto”. E critica i ritocchi estetici di Madonna e Maria De Filippi

next