“E questa è casa mia e qui comando io!”. Ricordate il ritornello della canzone di Gigliola Cinquetti? Corrisponde più o meno alla frase pronunciata dall’uomo che si è presentato a Palazzo Reale di Milano sostenendo di esserne il proprietario. E di essere il legittimo erede dei Savoia. E’ australiano, ha 37 anni e ha con sé persino le valigie. E’ pronto a insediarsi nelle sale che un tempo erano le antiche dimore dei regnanti. Si è portato il minimo indispensabile. Convinto forse di trovare “a palazzo” servitù, ori, argenti, sete pregiate e comodi baldacchini. Ma oggi, purtroppo per lui, lo storico e imponente edificio accanto al Duomo è diventato un museo ricco di sale di esposizioni per il pubblico. E, purtroppo per lui, persino per il popolo.

Ecco la scena e la dinamica. Sono le 13. L’uomo sale al primo piano dove si trova l’ingresso delle mostre e chiede come raggiungere Palazzo Marino, sede del Comune di Milano. Aggiunge, con naturalezza: “Sono l’erede del Regno d’Italia”. Poi se ne va per tornare un’ora dopo e stanziarsi definitivamente. Quella è casa sua, lì comanda lui. Parte l’allerta ai vigili del fuoco che fanno servizio antincendio nel Palazzo in cui è in corso la mostra “Realismo magico” e dove è in allestimento l’ esposizione del pittore Joaquin Sorolla y Bastida. Ma nemmeno di fronte alle divise l’uomo rinuncia alle sue rivendicazioni. E mostra i documenti che ha spedito alle autorità italiane. In quel carteggio, insiste, c’è la prova che ciò che afferma è vero.

Ma nel frattempo si creano confusione e intralcio. Per chi è in fila è una giornata sfortunata. Non basta il green pass a determinare rallentamenti. Oggi c’è anche l’erede dei Savoia. Allora parte la chiamata alla questura e arrivano sul posto due funzionari. Neppure loro convincono l’uomo ad abbandonare le sue intenzioni regali. Sono costretti a chiamare rinforzi: una decina di agenti. L’uomo è così identificato e scortato all’esterno. Qualcuno dovrebbe spiegargli che la monarchia è finita da un pezzo. Che la canzone di Gigliola Cinquetti non parla del regno dei Savoia, ma di liberta: quella delle donne.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Nicole Kidman sulla copertina di Vanity Fair. I commenti: “Perché l’hanno vestita come una ragazzina?”

next
Articolo Successivo

Denise Pipitone, la storia della bimba scomparsa a Mazara del Vallo diventa una docuserie: ecco quando e dove andrà in onda

next