Nidal al-Barghuti, giovane uomo di origini palestinesi, è stato ucciso dal fuoco di forze militari israeliane a Nabi Saleh, un villaggio palestinese a nord ovest di Ramallah, in Cisgiordania. Aveva vent’anni. A riportare la notizia è l’agenzia di stampa ufficiale palestinese Wafa, che si richiama ad un comunicato del ministero della Salute: per la ricostruzione del ministero il giovane uomo è stato ferito all’addome da colpi d’arma da fuoco esplosi da forze militari israeliane durante alcuni scontri che stanno avvenendo nel villaggio di Nabi Saleh.

Anche la radio militare israeliana ha confermato questa ricostruzione dell’episodio, aggiungendo alcuni dettagli: circa venti palestinesi avrebbero attaccato una postazione militare israeliana e i soldati avrebbero risposto con alcuni colpi d’arma da fuoco per non essere sopraffatti.

Nell’immagine: il villaggio di Nabi Saleh

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, Russia ritira alcuni militari al confine. Putin vede Scholz: “Non accetteremo mai l’allargamento Nato”. La replica: “Non è negoziabile”

next
Articolo Successivo

Ucraina, attacco informatico contro banche e ministero difesa. L’esperto: “Rete elettrica e apparati militari i principali obiettivi”

next