Pochi giorni fa la NHTSA (National Highway Traffic Safety Administration) aveva aperto un’indagine formale su 580.000 vetture Tesla, vendute negli anni dal 2017 ad oggi. Si tratta delle Model 3, S, X ed Y, equipaggiate con la funzionalità “Passenger Play“, che consente di riprodurre videogiochi sul grande schermo touch sistemato in posizione centrale all’interno dell’abitacolo.

Il motivo del provvedimento, stando alle stesse dichiarazioni dei tecnici dell’NHTSA, risiede nel fatto che quella funzionalità “potrebbe distrarre il guidatore e aumentare il rischio di incidente“, com’è facilmente intuibile.

In seguito a questo, l’azienda californiana si è mossa senza indugi per sistemare la situazione. L’NHTSA ha infatti chiarito di aver ricevuto rassicurazioni da Tesla sul fatto che quella funzionalità verrà inibita. Ovvero che un aggiornamento del software renderà inutilizzabile la funzione “Passenger Play” mentre le auto sono in movimento.

“La NHTSA valuta costantemente come i produttori identificano e salvaguardano dai pericoli di distrazione che possono sorgere a causa di difetti, uso improprio, o uso previsto delle tecnologie di servizio, compresi gli schermi di infotainment“, ha concluso l’agenzia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Audi, l’anno che verrà è ricco di anniversari da celebrare – FOTO

next
Articolo Successivo

Ferrari, a Maranello una mostra per celebrare l’annus mirabilis nel Gran Turismo

next