Era stata annunciata come ‘la grande inaugurazione’ e invece è stato un mezzo fiasco. O almeno, questo è quello che ha riportato Roma Today titolando: “Niente coda per la catena di fast food dell’influencer Gianluca Vacchi“. Forse le aspettative erano troppo alte dopo il successo di Kebhouze in via Sarpi, a Milano? Lì il ristorante, durante l’apertura del 5 dicembre scorso, aveva avuto un buon riscontro e ci si aspettava che lo stesso accadesse nel centro commerciale Euroma2.

“Gianluca Vacchi ha colto in un attimo il potenziale dietro l’idea che gli abbiamo proposto – ha raccontato Oliver Zon, uno dei giovani soci e fondatori di Kebhouze -, è un piacere lavorare con lui perché ha una visione imprenditoriale all’americana, e profonda fiducia nei confronti del nostro team operativo. L’obiettivo è lavorare sul kebab come brand, c’è un vuoto di mercato che vogliamo cogliere. Apriremo anche a Torino, Biella, Taranto. Insomma stiamo andando veloci”. “Ci si fida di Gianluca, speriamo che non deluda” oppure “Non sono un appassionato di kebab, volevo provare questo in particolare”, alcuni dei commenti delle persone presenti all’inaugurazione nella Capitale. “Quanto incide che ci sia proprio lui, Gianluca Vacchi, dietro a questa cosa?”, ha poi chiesto la giornalista a una ragazza. Lei ha replicato: “Io in realtà neanche lo conoscevo“. Gelo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonella Clerici contro la Rai: “Fatta fuori da La Prova del Cuoco quando ero incinta”

next
Articolo Successivo

“Con la terza vinciamo”. Lo spot con Federica Pellegrini per promuovere la campagna vaccinale in Veneto

next