Era originario di Alba, nel Cuneese, lo studente italiano della Columbia University di New York ucciso a coltellate non lontano dal campus universitario. Il preside dell’università lo ha identificato come Davide Giri, 30enne che stava un dottorato in ingegneria e scienze applicate dopo gli studi al Politecnico di Torino.

Secondo la ricostruzione della polizia, lo studente italiano è stato accoltellato allo stomaco la notte scorsa, poco prima delle 23, nel Morningside Park, ad Harlem, a pochi isolati dalla sua abitazione. Il giovane è poi morto durante il trasporto in ospedale. Il 25enne sospettato dell’omicidio è stato fermato dalla polizia a Central Park ed è stato identificato in Vincent Pinkney. Lo riporta il New York Post, secondo il quale Pinkney ha colpito Giri mentre lo studente stava rientrando nella sua abitazione dopo una partita di calcio con la sua squadra, il NY International FC. Poco dopo aver assalito Giri, il ragazzo ha accoltellato anche un 27enne turista italiano identificato in Roberto Malastina. L’uomo è stato trasportato all’ospedale Mount-Sinai Saint Luke, dove è ricoverato in condizioni stabili.

Il 30enne era molto conosciuto per le attività di volontariato svolte con la parrocchia di Santa Margherita a Musotto. La famiglia è molto conosciuta in città. Il padre, Renato, è docente di matematica al Liceo Classico ed è stato tra i fondatori della lista civica Alba Città per Vivere. Sia il padre che la madre Giuseppina, insieme al figlio, erano impegnati nel sociale. Davide aveva una sorella, Caterina, e un fratello, Michele.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Belgio chiude le scuole una settimana prima. Cresce incidenza in Germania. Svizzera abolisce quarantena per “salvare” lo sci

next