Almeno 4 persone, tra cui un bambino, hanno perso la vita e altre 19 sono rimaste ferite a causa di un forte uragano che si è abbattuto sulla città di Istanbul. Il vento del sud, chiamato ‘Lodos’ in turco, ha spazzato via i tetti di alcuni edifici, rovesciato mezzi parcheggiati e abbattuto una torre dell’orologio che cadendo ha sfiorato un’automobile in corsa. Due delle vittime, una madre e un bambino, sono rimaste schiacciate sotto i detriti di un tetto che si era staccato dall’abitazione accanto alla quale stavano camminando. La protezione civile ha invitato la popolazione a non uscire di casa se non è necessario. Le raffiche registrate nel pomeriggio in alcuni quartieri della città sul Bosforo hanno raggiunto i 130 chilometri orari. Istanbul è stata la città più colpita ma vento fortissimo e piogge torrenziali sono state registrate anche in altre zone del Paese, soprattutto nella città di Smirne, sulla costa del mare Egeo, e ad Antalya, nel sud della Turchia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Tiepidino e prevedibile”, la Corea del Sud indispettita dal disinteresse di Biden per Pyongyang. In gioco gli equilibri del Pacifico

next
Articolo Successivo

Covid, Biden: “Con vaccini e mascherine non ci sarà bisogno di un altro lockdown”

next