L’aeroporto di Palma di Maiorca, uno dei più trafficati della Spagna nell’arcipelago delle Baleari, è rimasto chiuso per quasi quattro ore nella serata di venerdì 5 novembre dopo che una ventina di passeggeri hanno approfittato dell’atterraggio di emergenza a cui è stato costretto un aereo decollato dal Marocco per uscire dal velivolo facendo perdere le proprie tracce. Si indaga su un’ipotesi di immigrazione illegale, e già 12 persone sono state individuate e arrestate. “Ne stiamo cercando altre 12, ha detto in una conferenza stampa la delega del governo spagnolo alle Baleari, Aina Calvo. L’aereo, in volo tra il Marocco e la Turchia, è stato fatto atterrare a Palma di Maiorca a causa del presunto malore di un passeggero, come ha detto la Guardia Civil all’Afp: durante l’evacuazione del presunto viaggiatore malato, una ventina di passeggeri ha colto l’occasione per scappare dall’aereo sulla pista e far perdere le proprie tracce.

Secondo il quotidiano El Pais, gli inquirenti ipotizzano che si sia trattato di uno stratagemma per entrare illegalmente in Spagna. Il passeggero che aveva accusato il malore e’ stato portato in ospedale, dove è stato dichiarato in perfetta salute e arrestato dalla polizia per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Secondo il quotidiano sarebbero state arrestate cinque persone, mentre tra quelle riuscite a fuggire c’è anche uno dei passeggeri che aveva accompagnato il presunto malato in ospedale. Secondo l’applicazione FlightRadar24, l’aereo era un Airbus A320 della Air Arabia Maroc in volo tra Casablanca e Istanbul. A seguito dell’episodio, 13 aerei diretti a Palma sono stati dirottati su altri aeroporti e 16 voli in partenza hanno subito ritardi significativi, secondo le autorità aeroportuali. L’aeroporto ha riaperto intorno alla mezzanotte di dopo circa quattro ore di chiusura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

New York, il sindaco Eric Adams: “Voglio essere pagato in Bitcoin”. La sfida con Miami per essere la capitale delle criptovalute

next
Articolo Successivo

Baviera, attacco a colpi di coltello su un treno diretto a Norimberga: tre feriti, due sono in gravi condizioni. Arrestato l’assalitore

next