Alec Baldwin ha puntato la pistola contro la macchina da presa durante le riprese del western Rust e ha sparato. Questo è quello che dicono alcuni stralci di dichiarazioni rilasciate agli investigatori da parte del regista ferito Joel Souza e dell’operatore Reid Russell. Quest’ultimo, nel momento dell’involontario sparo fatale, era in piedi di fianco alla direttrice della fotografia Halina Hutchins, alle spalle della ragazza deceduta si trovava invece in piedi proprio Souza. Secondo quanto riportato dall’agenzia Reuters e ripresa pochi istanti fa dalla BBC, Baldwin stava girando una scena in cui dopo aver estratto la pistola dalla fondina sparava modello tiro incrociato. Una sequenza che richiedeva un’inquadratura stretta frontale alla cinecamera. Così quando Baldwin ha premuto il grilletto come richiedeva la scena di finzione, la pistola ha sparato un vero proiettile colpendo a morte Hutchins e ferendo Souza. “Stavo guardando la scena alle spalle di Hutchins e all’improvviso abbiamo sentito come un rumore di frusta e un forte colpo – avrebbe dichiarato alla polizia il regista – ricordo comunque vagamente Hutchins lamentarsi del doloro al petto”.

È stato invece Russell, rimasto illeso nella sparatoria accidentale per pochi centimetri, ad affermare che la Hutchins si è accasciata ed è stata soccorsa mentre si trovava a terra. Russell ha anche spiegato che Baldwin era sempre stato molto attento sul set, soprattutto quando maneggiava le armi di scena. L’operatore di macchina ha citato un’altra precedente ripresa con armi in campo dove la star hollywoodiana si sarebbe assicurato lui stesso che non ci fossero bambini in campo. Ancora nessuno è però stato arrestato o formalmente accusato per l’omicidio di Halina Hutchins avvenuto sul set di Rust venerdì 22 ottobre. Poche le cose certe: la prima che le misure di sicurezza sul set non sarebbero state delle più elevate; la seconda che la responsabile delle armi era al suo secondo incarico professionale e aveva confessato privatamente al padre, armiere anche lui nelle produzioni cinematografiche, di non sentirsi all’altezza del compito in quel film; infine che David Halls, l’assistente alla regia, avrebbe passato la pistola da utilizzare a Baldwin sostenendo fosse pronta all’uso. Infine, un’altra voce non confermata parla di un utilizzo fuori dal set con proiettili veri dell’arma che ha ucciso la Hutchins.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oggi è un altro giorno, Stefania Orlando in lacrime per la morte della migliore amica: “Con la famiglia avevamo deciso di non dirle la verità sulla sua salute”

next
Articolo Successivo

Ballando con le Stelle, Roberto Burioni su Mietta: “Vaccino controindicato solo per minori di 12 anni e per chi ha subito di recente un trapianto”

next