Da oggi fino al prossimo 13 dicembre le imprese e partite Iva con ricavi 2019 compresi tra 10 e 15 milioni di euro. possono inviare domanda all’Agenzia delle Entrate per chiedere il contributo Sostegni e/o il Sostegni-bis alternativo, quello pensato per i soggetti che hanno più risentito delle restrizioni dei primi mesi del 2021. L’allargamento degli aiuti a società con oltre 10 milioni di ricavi era stato annunciato dal ministro dell’Economia Daniele Franco quando si è scoperto che le domande di contributi a fondo perduto erano state meno del previsto, facendo avanzare dei fondi.

Oltre all’ammontare del fatturato, l’ulteriore requisito per la richiesta è aver registrato un calo di almeno il 30% tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e quello dell’anno 2019, mentre per poter avere il contributo Sostegni-bis alternativo occorre aver registrato un calo di almeno il 30 per cento tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo 1° aprile 2020 – 31 marzo 2021 e quello del periodo 1° aprile 2019 – 31 marzo 2020. Non possono accedere ai contributi i soggetti la cui attività e partita Iva non risulti attiva alla data di entrata in vigore dei rispettivi decreti-legge, gli enti pubblici, gli intermediari finanziari e le società di partecipazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carenza di semiconduttori, Cnh Industrial ferma “diversi siti in Europa”. Mentre il produttore di chip Tsmc annuncia utili record

next
Articolo Successivo

Alitalia, stasera l’ultimo volo della compagnia che ha bruciato 12 miliardi pubblici. Venerdì decolla Ita, con un quarto dei dipendenti

next