Le domande di sostegni a fondo perduto dalle partite Iva, attese a 3 milioni, sono state inferiori e quindi sarà possibile estendere gli aiuti anche oltre la soglia di fatturato finora consentita. A dirlo in audizione in Commissione Bilancio della Camera, il ministro dell’Economia, Daniele Franco, che ha specificato che “dall’Agenzia delle Entrate emerge un numero di domande sotto i due milioni” con risorse utilizzate inferiori di circa quattro miliardi alla stima iniziale. Le “risorse che in qualche modo si liberano vanno riutilizzate”, ha detto quindi Franco. Che ha poi spiegato che “è possibile vi sia una cifra che vada oltre” quella stanziata per estendere l’intervento per le partite Iva sulla base del risultato d’esercizio dai 10 ai 15 milioni di fatturato. “L’ipotesi che formulerei, personalmente – ha detto Franco – è usare questo margine per l’intervento estivo sulla base dei risultati di esercizio“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, la Lega stabilmente primo partito ma Fratelli d’Italia si avvicina. Pd al 19,2%, il M5s al 15,9. Italia Viva inchiodata al 2 per cento

next
Articolo Successivo

La conta di Berlusconi per prendersi il Colle: quei 50 voti mancanti da chiedere a Renzi e il sì al centrodestra federato proposto da Salvini

next