Torna l’incubo degli airbag difettosi prodotti dal costruttore giapponese Takata, che proprio a causa dei continui malfunzionamenti dei suoi dispositivi era stato costretto a dichiarare bancarotta nel 2017.

Questa volta è il quotidiano tedesco Der Spiegel a dare la notizia che l’NHTSA (National Highway Traffic Safety Administration), ovvero il potente dipartimento dei trasporti statunitense, ha aperto un’ulteriore indagine su più di 30 milioni di vetture costruite tra il 2001 ed il 2019 equipaggiate con i suddetti airbag, e dunque a rischio. Si tratta di mezzi di marche di lusso, come pure di costruttori generalisti, che non hanno responsabilità diretta nella vicenda. Si tratta di Porsche, Jaguar Land Rover, Ferrari, Tesla, Bmw, Chrysler, Daimler, Ford, GM, Nissan, Mazda, Subaru e Toyota.

L’ultimo maxi richiamo di auto che montavano airbag Takata risale al gennaio dello scorso anno, quando si scoprì che il nitrato di ammonio utilizzato come esplosivo per l’espansione del cuscino d’aria subiva modifiche a causa di umidità e temperature elevate, provocando di fatto uno scoppio molto più forte. Al punto da “sparare” componenti metalliche nell’abitacolo e ferire i passeggeri. Un primo intervento di richiamo delle vetture in officina, allora, non risolse i problemi

I dettagli della nuova indagine non sono ancora noti, perché in questa fase le autorità federali hanno informato solo le aziende interessate, ma i numeri parlano chiaro: questi 30 milioni di veicoli “sospetti” si vanno a sommare ai ben 67 milioni attenzionati negli ultimi dieci anni, tutti equipaggiati con airbag Takata difettosi. Che, ad oggi, hanno provocato la morte di 25 persone nel mondo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parigi a 30 km/h, così la capitale francese vuole ridurre inquinamento e incidenti

next
Articolo Successivo

Car sharing, la pandemia colpisce duro. In Italia dimezzati i noleggi

next