È una Chiara Ferragni che aiuta ad abbattere un tabù sempre presente, quello legato ai disturbi psichici e ai percorsi di terapia e cura. L’imprenditrice digitale ha raccontato sui social di soffrire di ansia, mentre in passato ha avuto a che fare con gli attacchi di panico. Ha deciso quindi di andare da uno psicologo e, rispondendo alle domande dei 24.6 follower che la seguono su Instagram, ha detto: “Ho fatto tanto lavoro su me stessa, ho cercato sempre di affrontare le mie paure e di capire pian piano la mia mente e da cosa certi meccanismi siano scaturiti”. Poi ha detto: “Negli ultimi tre anni mi sono fatta uno dei regali più grandi per capirmi: vedo uno psicologo una volta alla settimana, esperienza che consiglio a tutti“.

Gli attacchi di panico, quando era a Los Angeles, lontana dagli affetti più cari, è riuscita a superarli buttandosi a capofitto nelle sue paure, ma ci tiene a precisare che “ogni esperienza è naturalmente diversa”. Adesso, è più consapevole e riesce a gestirli: “Ora quando mi viene un po’ di ansia (da quando sono genitore mi succede spesso), cerco di concentrarmi sul lavoro o altre esperienze e non focalizzarmi sulla stessa sensazione”, ha rivelato. Infine ha concluso: “Non sono ancora al 100% la Chiara che volevo, ma è un lavoro quotidiano. Sono molto felice della persona che sono diventata e sto diventando e penso che la me teenager, che si sentiva sola e diversa dagli altri, sarebbe molto fiera della Chiara trentaquattrenne di ora […] Ho due bambini che sono la mia soddisfazione più grande, innamorata da quasi cinque anni di mio marito (Fedez, ndr), di un amore pazzerello. Ho un lavoro che mi fa sentire speciale e spesso amata dagli altri, in cui posso essere me stessa e condividere messaggi positivi, lavoro che fine a qualche anno fa non esisteva”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alessandro Borghi accusato di sessismo non ci sta: “Porca put*ana, quanto siete stupidi!”. Il suo sfogo

next