Ritardi, bassa definizione, schermi neri, interruzioni con buffering, segnale debole: i tifosi protestano contro Dazn, la piattaforma che trasmette in esclusiva l’intera Serie A. Addio alla vecchia tv, satellitare o meno, il calcio passa ora tramite internet. Pochi minuti prima del fischio d’inizio di Inter-Genoa, la gara d’esordio di sabato pomeriggio, subito i primi problemi: così i tifosi si sono riversati in massa sui social per segnalare il non funzionamento dei dispositivi, con la solita ironia ma anche con parecchio fastidio.

Una visione bloccata, non per tutti sia chiaro, per circa tre minuti. Dalle parti di Dazn minimizzano quanto accaduto escludendo un down: “C’è stato solo uno spike di qualche minuto su una delle Cdn (i provider che distribuiscono i contenuti, ndr) globali all’inizio del match. Il problema è stato risolto in pochi minuti”. Il gruppo ha fatto sapere di essere intervenuto distribuendo il traffico su altre Cdn, affermando che l’impatto “non è stato numericamente importante” in proporzione all’elevata quantità di contatti per il debutto dei nerazzurri.

Ma segnalazioni sono arrivate anche nel corso degli altri match di domenica: da Udinese-Juventus a Roma-Fiorentina fino a Napoli-Venezia. Intanto il quotidiano Repubblica fa sapere che la Lega di Serie A chiederà conto a Dazn dei disservizi della prima giornata, vissuta con agitazione anche nelle chat di presidenti e dirigenti del campionato. I vertici scriveranno una lettera in giornata, si teme ancora di più per il weekend del 12 settembre con i big match Milan-Lazio e soprattutto Juventus-Napoli. Un test importante per le Cdn globali, le Content Delivery Netwoork, i punti di snodo da cui chi si connette riceve il segnale, che sabato hanno subito un sovraccarico.

“L’Agcom ha esortato tutti, Dazn e le telco, a fare investimenti per adeguare la rete con nuove Cdn. E in effetti i problemi di sabato non sono dipesi dalle reti: sia Fastweb che Vodafone non hanno registrato sovraccarichi. Segno che il problema fosse solo nelle Cdn di Dazn, che nega invece con forza di avere effettuato un downgrade del segnale per arrivare a tutti”, aggiunge Repubblica.

Non solo proteste per i disservizi tecnici ma anche per l’assenza di “Diretta Gol“, la possibilità di seguire le partite in contemporanea, fino allo scorso anno prevista da Sky. In realtà il servizio era presente nelle precedenti stagioni anche su Dazn ma bisognerà aspettare la terza giornata, dopo la pausa del campionato, per l’attivazione di “Zona Gol“, questo il titolo del format, che dovrebbe seguire in contemporanea le tre partite della domenica pomeriggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cristiano Ronaldo non gioca (per 30 milioni l’anno): adesso è la Juventus che deve avere la forza di decidere il suo destino

next
Articolo Successivo

Ti ricordi… Jorge Paulo Cadete, l’attaccante del Brescia di Lucescu che nella vita è stato idolo del Celtic Park e concorrente del GF

next