Salmo, uno dei rapper e produttori più talentuosi della musica, ha creato il caos assoluto, esibendosi “a sorpresa” al molo Brin di Olbia per protestare contro lo Stato e le regole dei concerti troppo ferree “quando fuori dal recinto la gente fa quel cazzo che gli pare”. Una rivoluzione, come l’ha definita l’artista, davanti a 3-4mila presenti (il tam tam tra cellulari è stato efficace) senza alcuna misura di sicurezza, senza distanziamento né mascherina. Il dibattito si è infuocato. Assomusica – che raccoglie le principali agenzie live -ha aspettato 48 ore per condannare l’evento ma anche per sottolineare alle forze di Governo la possibilità col Green Pass di tornare a capienza piena o parziale, in vista dell’autunno/inverno che presumibilmente sarà senza tour, posticipati tutti al 2022.

Qui non si riportano poi il botta e risposta con Fedez (che, va detto, ha mosso critiche condivisibili e giuste a partire dalla sicurezza sanitaria) né De Gregori e Ultimo che hanno evidenziato l’importanza di riportare il dibattito della capienza dei live dopo due anni di sacrifici, ma Salmo avrebbe potuto agire diversamente col plauso di colleghi, fan e giornalisti.

Una barca, un megafono, a sorpresa (ma davvero), vigili e forze di polizia allertate (segretamente) e una piccola folla di curiosi che si sarebbe fermata per riprendere tutto con i telefonini con video che sarebbero diventati virali in un attimo. Vestito da clown (mai prendersi sul serio) Salmo avrebbe potuto col megafono, sul mare, denunciare per filo e per segno la poca attenzione del Governo sul tema Cultura e Concerti, auspicando l’uso del Green Pass per i concerti e i grandi eventi e cantando un paio di brani per far un po’ di rumore. Stop.

In questo modo non sarebbe accaduto nulla. Non ci sarebbe stato alcun rischio sanitario per la popolazione e soprattutto nessuna indagine della Procura, tutti ti avrebbero applaudito. Bastava così poco. Perché, caro Salmo, la fantasia come dici tu giustamente va usata ma nella giusta direzione e nel rispetto della salute pubblica. Non dimentichiamo che la variante Delta galoppa e la Sardegna, con la Sicilia, è quasi praticamente in zona gialla.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mogol compie 85 anni, perché è l’autore di una vera rivoluzione artistica e culturale

next
Articolo Successivo

Cavalleria Rusticana a Taormina: un sogno finalmente uscito dal cassetto

next