È morto il cane Angelo. Sono moltissimi gli animali rimasti uccisi negli incendi che hanno devastato l’Oristanese. E lui, ribattezzato Angelo (come l’uomo che lo ha salvato) dalla clinica veterinaria che se ne stava prendendo cura, era un po’ il simbolo del disastro ma anche della voglia di combattere. Perché questo cane da pastore ha combattuto, eccome: è rimasto a controllare le sue pecore fino a che l’incendio non si è preso gran parte del suo corpo. L’animale è stato trovato a Tresnuraghes e portato alla clinica DueMari. “Non soffre più“, il messaggio su Facebook. Angelo era arrivato con ustioni su tutto il corpo e stava letteralmente prendendo brandelli di pelle. “Gli occhi sembrano sani”, scrivevano i veterinari che hanno fatto di tutto per salvarlo. I commenti sotto al post che comunica la morte di questo speciale cane da pastore sono al momento oltre 12 mila: “Povero cucciolo!!! Una vita che resiste… è una luce, una speranza… sapere che quella flebile luce si è spenta riempie il cuore di tristezza… Grazie comunque a voi che avete fatto tanto per Angelo e per tanti altre sfortunate creature vittime della cattiveria umana”, “Grazie a voi tutti per averlo curato. È soltanto per persone come voi che le colpe degli umani sono in parte meno gravi. Angelo adesso è al sicuro dalla cattiveria”, “Questo cagnetto è entrato nel cuore di tutti noi. Abbiamo sperato nel miracolo fino alla fine. Chissà cosa avrà patito povera anima. Ciao dolce Angelo, corri sereno ora”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lorella Cuccarini festeggia 30 anni di matrimonio con Silvio Testi: “Quasi 11 mila giorni di te e di me”

next
Articolo Successivo

Giulia Salemi e Pierpaolo Pretelli, la teoria in aeroporto a Ibiza: “I vestiti usati e stropicciati pesano di più. Se metti magliette ben piegate la valigia pesa meno”

next