“Questa è l’icona della nostra Terra ora”. Così uno degli operatori della Clinica Veterinaria Duemari da Santu Lussurgiu, che racconta di come ha curato il cucciolo di cerbiatto rimasto ferito negli incendi che da giorni stanno devastando la Sardegna. L’animale selvatico, con le zampe gravemente ustionate, è stata recuperato da un gruppo di cacciatori che stanno battendo la montagna palmo a palmo alla ricerca di altri animali selvatici feriti. Il cucciolo, una femmina di poche settimane, è reduce dall’incendio che ha colpito l’Oristanese.

“E questa è la cerbiatta che abbiamo ricoverato ieri. – racconta ancora l’operatore della clinica – In piedi, ma con le zampe carbonizzate. Come la nostra gente. Non sappiamo se questo miracolo divino potrà riprendersi, le sue lesioni sono drammatiche. E’ stata ritrovata accanto al corpo della madre carbonizzata che non è riuscita a sopravvivere e lei era lì, recuperata da un gruppo di cacciatori. E’ stata chiamata da loro Lussurzesa. E così la battezzeremo anche noi. Cosa devono aver visto e pianto questi occhi”. “Non sappiamo se riuscirà a sopravvivere e se accetterà il biberon, – conclude – ma combatteremo per aiutarla”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amatrice, inaugurato l’auditorium della Laga: realizzato dalla Croce Rossa anche grazie alla raccolta fondi promossa da ilfattoquotidiano

next
Articolo Successivo

Milano, pagavano cocaina e hashish con il bancomat: sei persone nei guai per il “bar dello spaccio 2.0” di Melegnano

next