L’ultimo aggiornamento alla beta di Telegram porta una serie di aggiunte interessanti come i controlli della velocità di riproduzione video e la condivisione dello schermo, anche se quest’ultimo non sembra ancora molto funzionante al momento. È stata avvistata anche una nuova opzione per condividere lo schermo durante una videochiamata tra due utenti, ma è piuttosto ben nascosta e anche questa non sembra ancora funzionare perfettamente.

Quando si è in videochiamata con qualcuno, è possibile avviare la condivisione dello schermo arrestando prima il video corrente (secondo pulsante rotondo da sinistra), quindi toccandolo ancora una volta per ricominciare a condividere. Verrà visualizzata una schermata con tre opzioni nella parte inferiore: schermo del telefono, fotocamera frontale e fotocamera posteriore.

Altre piccole aggiunte alla beta di Telegram 7.9.0 sono una nuova opzione per cancellare la cronologia di una chat quando è più vecchia di un mese (l’impostazione più lunga precedente era una settimana) e la possibilità di visualizzare anteprime di videomessaggi proprio come i video normali quando scorri verso l’alto o verso il basso.

Come riportato da Testing Catalog, Telegram beta v7.9.0 ha inoltre aggiunto nuovi controlli di velocità durante la riproduzione di video. Questo funziona sia per i video locali condivisi tramite l’app che per i link video come YouTube. È necessario toccare il pulsante di in alto a destra con i tre pallini sovrapposti in verticale quando vengono riprodotti, quindi toccare Velocità. Ottieni 0,2x, 0,5x, 1x, 1,5x e 2x. Le scelte dunque non sono particolarmente estese, ma dovrebbero essere sufficienti per accelerare o rallentare un video a una velocità che meglio ti si addice.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Xiaomi Mi Band X, la prima smartband con display che la ricopre interamente

next
Articolo Successivo

Spotify guadagna una nuova e più funzionale interfaccia

next