Al via PlayToday, la nuova app che – a partire da venerdì 30 luglio – intratterrà gli abbonati del Fatto Quotidiano con quiz e giochi originali coinvolgendoli in un concorso a premi su attualità, politica e informazione.

Gioca con PlayToday, la nuova app del Fatto Quotidiano

Ad annunciarlo è la Società Editoriale Il Fatto (SEIF) media content provider ed editore di diversi prodotti editoriali e multimediali, quotata su AIM Italia e a Parigi su Euronext Growth.

L’operazione estiva è legata all’offerta digitale attualmente in corso, ed è stata pensata per divertire la community del Fatto attraverso quattro giochi che metteranno alla prova i lettori. In palio, per i vincitori del concorso, che durerà fino al 30 settembre, tre premi settimanali e tre super premi finali.

L’app PlayToday, gratis fino al 30 settembre per gli abbonati al Fatto Quotidiano, è disponibile sugli store ufficiali Apple Store e Google Play.

“L’innovazione tecnologica – ha dichiarato il Presidente e AD di SEIF, Cinzia Monteverdi – sta trasformando il mondo dell’informazione. Le abitudini delle persone, spesso legate ai device digitali, ci stimolano a testare nuovi progetti come quello di PlayToday”.

I giochi del concorso a premi sono stati ideati dall’autore di quiz televisivi Stefano Santucci insieme al suo team.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La solidarietà dei Cdr de Ilfattoquotidiano.it e de Il Fatto Quotidiano alla collega Giovanna Trinchella e alla cronista Ottavia Giustetti

next
Articolo Successivo

Lutto per il collega Thomas Mackinson. L’abbraccio delle redazioni del Fatto Quotidiano e de ilfattoquotidiano.it

next