“Sarà che io sono una delle pochissime donne a cui piace il catcalling…”. Diana Del Bufalo riaccende la polemica sul tema delle molestie verbali in pubblico. L’attrice ha pubblicato nelle scorse ore una serie di storie su Instagram in cui raccontava un episodio che le era appena successo, dicendo con tono a metà tra l’ironico e il provocatorio di esser stata apostrofata con coloriti apprezzamenti da due uomini mentre era in macchina: “Guidavo ero dentro la macchina, e due uomini, a distanza di cinque minuti prima uno e poi un altro, abbella, abbona, ma in questo stato? Sarà che io sono una delle pochissime donne a cui piace il catcalling”, ha detto l’attrice riferendosi al volto struccato. Per poi concludere scherzosamente: “Siete falsi!“.

Neanche a dirlo, subito sui social è scoppiata la polemica, in particolare su Twitter, dove in molti hanno criticato la sua uscita soprattutto per il tono leggero da lei usato, sostenendo che così “si rischia di dare un’argomentazione in più ai trogloditi che la useranno a loro favore”. E ancora: “Oggi Diana Del Bufalo ci insegna che il cat calling non è una molestia, ma qualcosa che lei apprezza”. Ma c’è anche chi ha replicato con la propria esperienza personale: “Noi tutte, invece, che dopo averlo subito ci sentiamo umiliate e terrorizzate tanto da cambiare strada abbiamo vissuto sicuramente un’allucinazione collettiva”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Romina Power in ansia per Taquito: “Gli è entrato un forasacco nel naso”

next
Articolo Successivo

Vincenzo Santopadre, il coach di Matteo Berrettini a FqMagazine: “Se vuoi essere un campione nel tennis, vai al ristorante e mettiti alla prova”

next