Il decollo da Malpensa del volo EK205 è avvenuto alle 16.22. Ma dopo avere sorvolato per oltre un’ora la provincia di Varese travolta da grandine e maltempo, il Boeing 777-300ER della compagnia Emirates diretto a New York è dovuto rientrare effettuando un atterraggio di emergenza nell’aeroporto dal quale era partito. La fusoliera e i finestrini del velivolo, inclusi quelli dei piloti, sono stati infatti pesantemente danneggiati dalla grandine che si è abbattuta sull’area. Secondo quanto riportato dal sito Malpensa24.it, la torre di controllo, prima di dare il via libera al rientro, ha chiesto ai piloti di “scaricare 10 tonnellate di carburante essendo sopra il peso massimo per l’atterraggio. Dovendo andare fino a New York, i serbatoi erano pieni”.

Il rientro è stato chiesto mentre l’aereo stava sorvolando il lago d’Orta e, tornando in aeroporto, ha tentato due atterraggi. Il primo, scrive Varesenews, “è stato sulla 17L, la pista sinistra presa da Nord“, ma si è trattato di un atterraggio mancato. Poi il velivolo è riuscito a toccare terra verso le 18 “sulla 35L, la pista sinistra presa da Sud”, dopo avere a lungo sorvolato l’aerea, passando anche sopra Vigevano e Abbiategrasso “per tre volte”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, morte di un 40enne per cedimento balaustra di un ponte: tre funzionari del Comune indagati

next
Articolo Successivo

Sanità, in Friuli-Venezia Giulia un primario su 3 è “facente funzione”: molti anche da 7-8 anni. La denuncia dei sindacati: “Oneri senza tutele”

next