“Non siamo venuti a lamentarci ma a costituirci. il reato è quello di fare il nostro mestiere. Ho portato l’arma del delitto: una penna. Una penna con cui firmiamo decine di atti prendendoci molti rischi perché è così con il reato di abuso d’ufficio. Nel nostro ordinamento giuridico il sindaco è responsabile di tutto ciò che accade nel comune è ciò non è possibile. Chiediamo rispetto per il ruolo”. Così Antonio Decaro, primo cittadino di Bari e presidente Anci, durante la protesta dei sindaci a Roma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ddl Zan, ora Renzi diventa un martire per la destra: da Libero a Storace su Il Tempo fino al Secolo d’Italia, tutti in difesa del leader di Iv

next
Articolo Successivo

Ddl Zan, La Russa sbotta col conduttore de ‘L’aria che tira’: “Non rispondo più, siete schierati. Una vergogna”. “Ha parlato più di tutti gli altri”

next