Giorgia Meloni supera Matteo Salvini e Fratelli d’Italia ora è il primo partito. Almeno secondo l’ultimo sondaggio di Swg per il Tg La7. Negli ultimi sette giorni Fdi guadagna due decimali e ora è al 20,7%. Nello stesso periodo di tempo, però, il Carroccio di decimali ne perde tre, fermandosi al 20,3%. Guadagna poco – uno 0,2% – anche il Pd, che è terzo col 18,8%. Si confermano quarti i 5 stelle col 16.6%, che però nella settimana dell’attacco di Beppe Grillo a Giuseppe Conte (il sondaggio è stato effettuato tra il 23 e il 28 giugno) guadagnano addirittura sei punti percentuali: nessuno è cresciuto così tanto nello stesso periodo. Da sottolineare che il 39% degli intervistati non si è espresso: le scelte operate da questi quattro elettori su dieci potrebbe stravolgere l’esisto di qualsiasi tornata elettorale.

Poi c’è Forza Italia col 7 percento, che porterebbe quindi il totale del centrodestra al 48%. L’asse composto da centrosinistra più i 5 stelle, invece, si attesterebbe otto punti dietro: è al 40,4%, visto che Sinistra italiana è “quotata” al 2,7, mentre Mdp Articolo 1 al 2,3. Guadagna un decimale Azione di Carlo Calenda, sfiorando così il 4 percento. Ne perde due, invece, Italia viva di Matteo Renzi, inchiodata poco sopra il due percento. Tra gli altri piccoli +Europa è all’1,8%, i Verdi all’1,5%, Coraggio Italia ha un punto percentuale, altre liste all’1,3.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Conte: “Non si imbianca una casa che ha bisogno di profonda ristrutturazione”

next
Articolo Successivo

Cambi di casacca, sono 259 i parlamentari trasformisti. La proposta del Pd: chi lascia un gruppo non può andare nel Misto

next