Lo scorso 15 giugno un suo bracciante era morto durante le ore di lavoro a causa di un malore. Oggi, un imprenditore agricolo di Olevano, in provincia di Pavia, è indagato con l’accusa di omicidio colposo. A dare la notizia sono stati due quotidiani locali, La Provincia pavese e Il Giorno. Lo scorso 16 giugno, il giornale pavese aveva dato notizia della morte di un uomo di 57 anni di origine cinese e residente a Robbio (Pavia), mentre era al lavoro nelle risaie per la cosiddetta monda, l’eliminazione delle erbe infestanti dalle piantine di riso.

Stando a quanto raccontavano i giornali in quei giorni, a metà mattinata l’uomo si era accasciato a causa di un malore, un arresto cardiaco, e non era stato possibile salvarlo nonostante il pronto intervento dei soccorsi e l’arrivo al Policlinico San Matteo di Pavia tramite l’elisoccorso. L’uomo è morto nonostante l’arrivo in ospedale. Ora, il datore di lavoro è finito sotto inchiesta con l’accuso di non aver sottoposto l’uomo alle visite mediche obbligatorie che – se effettuate – avrebbero evidenziato il problema cardiaco poi risultato poi fatale. Al momento, le indagini sono condotte dai carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro di Pavia e della locale Ats.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anpal, tre consigli per riformare le politiche attive del lavoro

next
Articolo Successivo

Ex-Ilva Genova, Orlando: “Ho chiesto lo stop alla cassa integrazione e l’azienda ha detto no”

next