Ha versato addosso al marito dell’acqua bollente mischiata con 3 chili di zucchero, uccidendolo. Siamo nella conte di Cheshire, nel Regno Unito. La notizia, riportata tra gli altri dal Sun, sta facendo il giro delle testate britanniche, e non solo. A colpire gli inquirenti, in particolare modo, è stato proprio il “gesto crudele e doloroso” della donna, così come lo ha definito l’ispettore capo Paul Hughes, del Cheshire Constabulary.

L’episodio è avvenuto il 13 luglio scorso e ora, al termine del processo a suo carico, Corinna Baines (59 anni) è stata ritenuta definitivamente colpevole dell’omicidio del marito 81enne, Michael Baines. “Penso di averlo ucciso“, aveva detto a un vicino subito dopo aver commesso il gesto. Michael è stato quindi portato d’urgenza in ospedale con il 36% del corpo ustionato, tuttavia per lui non c’è stato nulla da fare ed è morto il 18 agosto 2020.

In seguito all’incidente, Corinna venne inizialmente accusata di lesioni personali gravi, poco dopo la morte di suo marito è stata invece accusata formalmente di omicidio. Jayne Morris del Crown Prosecution Service (CPS) ha affermato che le sue azioni sono state deliberate e considerate. La donna è stata giudicata colpevole ieri 15 giugno e sarà condannata ufficialmente il 9 luglio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“L’apocalisse dei ragni”: sono in milioni e le loro enormi ragnatele ricoprono ogni cosa in Australia. Le immagini impressionanti

next
Articolo Successivo

La tartaruga intrappolata nella rete è in fin di vita, i due sommozzatori le salvano la vita così

next