Netto calo, come di consueto nel corso del fine settimana, del numero di contagi giornalieri da coronavirus in Italia. Secondo l’ultimo bollettino diffuso dal ministero della Salute, sono 1.273 i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore in Italia, contro i 2.275 di ieri. Questo a fronte, però, di 84.567 tamponi processati, poco più della metà dei 149.958 delle 24 ore precedenti. Questo mantiene l’indice di positività stabile all’1,5%. In aumento le vittime che passano dalle 51 di ieri alle 65 di oggi.

Sono 5.024, invece, i dimessi o guariti nelle ultime 24 ore, numero che provoca di conseguenza il calo degli attualmente positivi che scendono di 3.819 in una giornata, con il totale che si attesta a 188.453. Questo permette un’ulteriore diminuzione della pressione sulle strutture ospedaliere italiane, ormai tutte ben al di sotto della soglia di rischio. Diminuiscono di altri 15 i posti letto occupati in terapia intensiva, con il totale che scende fino a 759 in tutto il Paese. Sono 283 in meno, invece, quelli occupati negli altri reparti Covid che scendono così sotto la soglia di 5mila, attestandosi a 4.910. Infine, in isolamento domiciliare ci sono 182.784 persone, in calo di 3.751 rispetto a ieri.

Analizzando i dati regione per regione, si nota che in contagi giornalieri assoluti quella più colpita è la Campania con 177. Seguono il Lazio con 170, la Toscana con 160, la Sicilia con 156 e l’Emilia-Romagna con 155.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Saman Abbas, il video con lo zio e i due cugini con la pala in mano

next
Articolo Successivo

Vaccino Astrazeneca e trombosi, open day per i giovani ma Aifa il 26 maggio ricordava che è raccomandato agli over 60

next