Lite in strada tra una delegazione di ex operai della stamperia Texprint (accompagnati da alcuni sindacalisti del SiCobas) e il sindaco di Prato, Matteo Biffoni. I lavoratori, in presidio da oltre tre mesi davanti alla stamperia per denunciare sfruttamento e precarie condizioni di sicurezza, hanno provato a fermare il sindaco mentre si trovava in un bar della città insieme ad alcuni suoi collaboratori. La scena è stata filmata e pubblicata sui social del sindacato. “Abbiamo provato a parlare con il sindaco dopo l’ennesimo l’intervento violento della polizia contro gli operai in sciopero alla Texprint. Non c’è stato modo” scrive il SiCobas. Come si vede dalle immagini, Biffoni, appena visto il gruppo, si alza e si dirige a passo spedito verso la sua auto. Nel tragitto verso il parcheggio nasce un battibecco piuttosto teso, con Biffoni da una parte che accusa i lavoratori di aver fatto un “blitz”, e gli operai dall’altra che gli chiedono di ascoltare le loro ragioni. Il sindacato da tempo ha chiesto un incontro con il Comune. “È da febbraio che aspettiamo la risposta ad una nostra mail ufficiale. Anche oggi, il sindaco non ha 5 minuti per ascoltare operai che da 120 giorni denunciano sfruttamento, caporalato e illegalità totale”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Operai rientrano dalla quarantena e vengono licenziati: “Pretesto per cacciarci”. Il titolare: “Non sono miei dipendenti, ma di una cooperativa” – Video

next
Articolo Successivo

Altri due morti sul lavoro: un contadino di 49 anni a Matera e un operaio 51enne nel piacentino. In una settimana quattro vittime

next