La situazione dei contagi da coronavirus in Italia continua a migliorare, con il trend dei nuovi casi giornalieri ancora in calo che si accompagna a una diminuzione dei ricoverati in ospedale. Anche la Basilicata, come tutta la Penisola esclusa la Valle d’Aosta, si trova in fascia gialla, quindi con le restrizioni più blande. con una nuova ordinanza sull’emergenza coronavirus, il governatore Vito Bardi ha però disposto la zona rossa per sei Comuni lucani da oggi fino a domenica prossima, 23 maggio.

In particolare, nuove zone rosse sono state decise per Anzi, Pietrapertosa e Rivello (provincia di Potenza), mentre sono state confermate quelle per Acerenza, Ripacandida (Potenza) e Rotondella (Matera). L’ufficio stampa della Giunta lucana comunica che “con la stessa ordinanza è stata disposta la revoca, a partire dal 16 maggio, della zona rossa per Balvano, Rionero in Vulture (Potenza) e Garaguso (Matera)”. In questi sei Comuni in zona rossa, quindi, sono vietati tutti gli spostamenti, salvo che per motivi di lavoro, salute o necessità. Inoltre restano chiusi bar, ristoranti e negozi. A partire dalla seconda media gli studenti devono seguire le lezioni a distanza.

In Basilicata in totale sono state effettuate 256.649 somministrazioni di vaccino anti-Covid, equivalenti all’86,8% delle 295.805 dosi finora consegnate. Sabato sono stati accertati 120 nuovi contagi, nessun decesso e 9 persone sono ricoverate nei reparti di terapia intensiva.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gaza, Papa: “Si fermi il frastuono delle armi. Non si costruisce la pace distruggendo l’altro”. L’appello alla comunità internazionale

next