Si fa sempre più concreta l’ipotesi che i resti umani ritrovati mercoledì scorso a Sassuolo possano appartenere a Paola Landini. Appena qualche giorno fa, proprio dopo il ritrovamento, la procura di Modena ha riaperto il caso della 44enne scomparsa in circostanze mai chiarite nel maggio 2012. Gli inquirenti riferiscono che diversi elementi portano a ritenere che le ossa di donna ritrovate vicino al poligono di tiro appartengano proprio a Paola Landini, come ha sottolineato oggi il dirigente della squadra mobile della cittadina modenese, Mario Paternoster. Nel corso della sua conferenza stampa, ha spiegato che il medico legale intervenuto aveva ritrovato nelle ossa tracce di un intervento che la donna aveva affrontato in passato. Inoltre, gli inquirenti hanno ritrovato non distanti alcuni indumenti che – anche se rovinati dal tempo – sembrano essere quelli descritti al momento della scomparsa della donna.

Un altro elemento sono le due pistole trovate sul posto: si ritiene possano essere le stesse portate da casa da Paola Landini mentre si recava al poligono il giorno della sua scomparsa. In particolare – dicono gli inquirenti – per una delle due armi non ci sono più dubbi. Nella stessa zona del ritrovamento sono state recuperate anche delle chiavi di una Fiat: la 44enne, appena prima di far perdere le proprie tracce, lasciò proprio vicino al poligono la sua auto – una Fiat Punto – con all’interno i suoi effetti personali. Le ossa saranno sottoposte a un test del dna, confrontando l’esito con quello del figlio della donna – ha spiegato la polizia di Stato – per capire se le ipotesi possono essere confermate.

Un ultimo dubbio riguarda però il luogo dove sono stati trovati i resti, a distanza di ben nove anni dalla scomparsa della Landini: è la stessa area già battuta durante le ricerche del 2012. Ma, secondo la polizia, è difficile che il corpo possa essere stato eventualmente portato lì in un secondo momento. “È più probabile – si legge in agenzia – che le ricerche non siano arrivate proprio in quel punto perché all’epoca erano in corso dei lavori ed è presente una folta vegetazione“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuoro, 19enne muore per salvare la madre dall’aggressione del suo ex. La donna è stata operata, le sue condizioni sono gravi ma stabili

next
Articolo Successivo

Como, 25enne confessa l’omicidio di una bimba di 18 mesi: “Ho abusato di lei e l’ho picchiata fino a ucciderla”

next