Attimi di commozione all’Isola dei Famosi: Valentina Persia, dopo aver raccontato nelle puntate precedenti di aver sofferto depressione post-partum, in diretta su Canale 5 ieri 7 maggio ha parlato del dolore per la perdita del compagno Salvo, scomparso prematuramente. “Dopo di lui non mi sono più innamorata. Ho avuto il privilegio di conoscere cosa significa amare e lo auguro a tutti. Salvo mi aveva preparato alla sua dipartita, da quando siamo stati insieme gli infarti sono stati 5, sapeva che sarebbe morto da solo, mi proteggeva. Sono stati 4 anni ma per me valgono 10 volte tanto. Vivo nella casa che avevamo costruito insieme per sposarci, lui mi ripeteva sempre: ‘ricordati che un amore interrotto non sarà mai un amore finito, rimarrà amore per sempre’ “.

Infine ha concluso: “Lui mi ha promesso che ci sarà sempre. Era un uomo che mi rispetta, mi lusingava, mi abbracciava e continua a farlo giorno e notte, nonostante la distanza interminabile”. Anche il fratello, Paolo Persia, aveva raccontato delle sofferenze di Valentina: “Loro hanno vissuto una storia bellissima. Lei ha ripetuto più volte che è stato Salvo a insegnarle per la prima volta cosa fosse l’amore. La sua morte è stata per lei un colpo devastante, durissimo“.

Paolo ha infine raccontato il drammatico momento della morte del padre, avvenuta solo qualche anno fa. Una vita non facile dunque per la comica e cabarettista che cerca di mascherare il dolore con l’ironia, non senza qualche momento di fragilità, come dimostrato nelle ultime settimane del reality show.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Denise Pipitone, la mamma Piera Maggio furibonda: “Quarto Grado vergogna! Dopo 17 anni di bugie no alla finta solidarietà”. Ecco cosa è accaduto

next