Ospite di Myrta Merlino a L’Aria che Tira nella puntata di venerdì 30 aprile, Luca Tommassini (direttore artistico, coreografo e regista) ha esordito dicendo alla conduttrice: “Sono emozionato come quando ballavo con Madonna e Michael Jackson. Ti seguo e ti ho seguita tutto l’anno: mi sono innamorato di te“. “Eh sì, faccio quell’effetto“, ha ironizzato la padrona di casa.

L’intervista è poi proseguita e il noto coreografo romano ha ripercorso la propria vita fin dall’inizio: “Sono nato in una famiglia molto umile e mia madre sognava di fare la ballerina ma non aveva le possibilità. Poi mi ha iscritto nella scuola di ballo di Enzo Paolo Turchi, lì ho iniziato e portato avanti il mio sogno e quello di mamma”. Abbandonato dal padre, ha cominciato a lavorare da giovanissimo per mettere da parte qualche soldo e inseguire la propria passione: “Ho preso il mio primo volo per New York, ho pianto tutto il tempo, è stata una storia un po’ disperata all’inizio […] Poi ho iniziato a studiare, mi sono fatto il cu*o“.

Da lì una serie si successi grazie ai quali “ora ha un nome, è tranquillo”. Luca infatti ha ballato affianco di Lorella Cuccarini, Heather Parisi (con cui ha avuto una relazione dal 1991 al 1992) e poi ha lavorato con star del calibro di Madonna, Diana Ross, Prince, Whitney Houston e Michael Jackson. Non solo. Anche in Italia Luca Tommassini è molto conosciuto: dalle collaborazioni con Eros Ramazzotti fino alle direzioni artistiche di note trasmissioni televisive come Amici di Maria De Filippi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luana D’Orazio, Leonardo Pieraccioni: “Me la ricordo vagamente perché erano tanti. Notizia terribile, non ci sono parole”

next